Quinoa: proprietà e benefici anche per la bellezza

GettyImages-107478781_oggetto_editoriale_720x600

Si scrive quinoa ma si pronuncia keen – wa. Parliamo della pianta erbacea che grazie alle sue mille proprietà sta conquistando un importante posto sulle nostre tavole. E non solo quelle dei vegetariani e dei celiaci, i primi ad esserne conquistati visto l’alto contenuto di aminoacidi essenziali.

La novità è che ai tanti benefici e usi della quinoa possiamo aggiungere anche quello cosmetico: l’estratto del pericarpo (l’involucro del seme fino ad oggi prodotto di scarto) pare abbia ottime proprietà esfolianti sopratutto per le pelli più delicate. Non è un caso, infatti, che L’Oréal abbia avviato un progetto di coltivazione sostenibile in Bolivia che utilizza proprio quella parte della quinoa finora solo rimossa e scartata.

Per capirne di più abbiamo parlato con Nisrine Zaaraoui, Sustainable Sourcing Manager L’Oreal R&I.

Quali sono le proprietà più importanti della quinoa?

In campo cosmetico, le caratteristiche più importanti del pericarpo della quinoa restano le sue proprietà detergenti delicate e tensioattive.

I semi della quinoa vengono coltivati da oltre 7.000 anni per scopi alimentari. Il nostro progetto, non considera il seme in sé, ma il suo pericarpo, ovvero quell’involucro sottile che avvolge il seme e deve essere rimosso prima di poterlo mangiare.

Per quel che sappiamo, l’unico utilizzo del pericarpo della quinoa in ambito cosmetico si basava sulla proprietà schiumogena delle saponine contenute al suo interno, ben note come detergente e tensioattivo naturale e utilizzate localmente come shampo

È la prima volta che l’estratto ricavato dal pericarpo della quinoa viene utilizzato per la cura della pelle. Nella nostra ricerca di ingredienti attivi provenienti da fonti rinnovabili, abbiamo individuato l’estratto ricavato dal pericarpo della quinoa, soprattutto della quinoa real proveniente dalla Bolivia, come composto di saponine, polifenoli e polisaccaridi unico e naturalmente complesso, con ottime proprietà esfolianti delicate, che non irrita la pelle, mantenendone il benessere.

Cos’ha di speciale quello boliviano?

Abbiamo studiato molte piante contenenti saponine, ma soltanto le saponine estratte dal pericarpo della quinoa si sono rivelate biologiche ed ecologiche, ovvero sicure per la pelle e per l’ambiente.

Abbiamo studiato diverse varietà di quinoa, rosse o bianche, provenienti da vari paesi: Perù, Bolivia o Messico, ma soltanto la varietà bianca di quinoa real proveniente dalla Bolivia ha mostrato di possedere questa composizione unica.

Come agirà L’Oréal in Bolivia?

In Bolivia, nelle regioni di Uyuni e Potosi, 250 agricoltori saranno formati e supportati nell’adozione di pratiche agricole sostenibili con il supporto della fondazione PROINPA. Questo programma triennale contribuirà alla produzione di 300 ettari di quinoa real organica della Bolivia, favorendo la diversificazione della coltura, la gestione intelligente del suolo e la promozione di metodi efficienti, innovativi e conformi ai principi della produzione biologica per combattere le piaghe e le malattie delle piante.

Questo programma mira anche a ripristinare e arricchire i terreni piantando specie leguminose azotofissatrici, come il q’ila q’ila, che sono fertilizzanti naturali, ma anche arbusti e piante erbacee autoctoni, per combattere l’erosione e la desertificazione, incrementando, nello stesso tempo la produzione e la redditività della quinoa.

Se volessimo provare un prodotto a base di quinoa, a cosa dovremmo fare attenzione leggendo l’etichetta?

L’estratto ricavato dal pericarpo della quinoa boliviana si è rivelato estremamente interessante per il suo contenuto, la sua qualità e l’ottima tollerabilità. Se si vuole scegliere un prodotto contenente l’estratto ricavato dal pericarpo della quinoa fate attenzione alla dicitura: “dall’estratto ricavato in modo sostenibile dal pericarpo della quinoa boliviana”.

Le recomendamos leer:

20040318 - ROMA - SPE  - MOSTRE: "I TESORI  DEGLI ATZECHI" . 
Il serpente, scultura della cultura azteca, in pietra del 1500 circa, proveniente dal Museo Nazionale di Antropologia Di Citta' del Messico.   La mostra di circa 350 capolavori provenienti dal Messico sono esposti  da oggi a Palazzo Ruspoli a Roma.             Il Museo antropologico di Citta' del Messico, i Musei del sito del Templo Mayor e di altre  importanti centri archeologici messicani, hanno prestato per la prima volta in Italia, le opere piu' spettacolari dell' intera collezione di Arte Azteca,  che costituisce la parte fondamentale del patrimonio artistico messicano.   CLAUDIO ONORATI ANSA-CD

Ecco la pizza all’amaranto

(ANSA) – MILANO, 19 MAR – Non solo baguette o bretzel: il mondo dei cereali offre una miriade di possibilità per preparare pane, pasta, dolci ...